201211.21
Off
0

APPARTAMENTI DI PROPRIETÀ DELLE PERSONE FISICHE STRANIERI NELLA REPUBBLICA DI CROAZIA – PROBLEMI PRATICI

Secondo le norme positive, le persone fisiche straniere che sono i proprietari di appartamenti in Croazia non possono ancora classificare i loro appartamenti, né affittarli e pagare le tasse per questo.

Pertanto, le persone fisiche straniere spesso usano i loro appartamenti per ospitare sia i loro veri amici che amici fittizi, guadagnano in questo modo illegalmente l’affitto settimanale in contanti.

Allo stesso tempo, si dovrebbe tenere in mente che un proprietario di casa può ospitare i suoi amici nel appartamento a condizione di registrazione con l’ente turistico o la polizia entro 24 ore dopo l’arrivo e di notificazione della partenza entro 24 ore dopo la partenza e il pagamento dell’imposta di soggiorno.

L’articolo 32. della Legge sull’attività ricettiva definisce il soggiorno di più di 15 persone che non sono familiari stretti nei appartamenti e case vacanza, in luoghi turistici, durante l’alta stagione (dal 15 giugno al 15 settembre), come il fornimento dell attività ricettiva dei privati cittadini alle abitazioni domestiche. Pertanto, se le persone fisiche stranieri accogliano in un appartamento più di 15 amici, che non siano familiari stretti, durante la stagione turistica, si può contare su responsabilità contravvenzionale in caso di ispezione.

Verso la Legge sull’imposta di soggiorno i familiari stretti sono: il coniuge, i parenti diretti e loro coniugi, fratelli e sorelle con i loro figli e i loro coniugi, fratelli e sorelle dei genitori e i loro figli con i coniugi, i genitori adottivi e i bambini adottati e loro figli con i coniugi, il figliastro, la matrigna e il patrigno.

Inoltre, la Legge sull’imposta di soggiorno stabilisce che il proprietario della casa vacanza o il proprietario dell’appartamento sono tenuti a pagare l’imposta di soggiorno per ogni notte trascorsa in questa casa o appartamento. Il proprietario e la sua famiglia pagano la tassa di soggiorno ridotta per il 70%.

In conclusione, una persona fisica straniera come proprietario dell’appartamento può legalmente ospitare fino a 15 dei suoi amici, che non sono familiari stretti, nel periodo dal 15 giugno al 15 settembre a condizione di registrazione con l’ente turistico o la polizia entro 24 ore dopo l’arrivo e di notificazione della partenza entro 24 ore dopo la partenza e il pagamento dell’imposta di soggiorno.

Se una persona fisica straniera come proprietario della edilizio, ottiene un ricompenso (in denaro o qualche altro) per il soggiorno dei suoi amici nell appartamento, essa sarebbe considerata una prestazione di servizi di alloggio alle abitazioni domestiche – che per una persona fisica estera sia ritenuto illegale.

D’altra parte, non ci sono limitazioni per una persona fisica straniera come proprietario della casa o dell’appartamento di concludere il contratto di locazione dell’immobile per il periodo di alcuni mesi.