201211.19
Off
0

CONSIGLI PRATICI – DIRITTO DI SUCCESSIONE

L’eredità di un defunto senza eredi appartiene alla comunità cioè la città determinata dallaLegge delle successioni, che entra nellaposizione giuridica dell’erede del defunto.

Gli cittadini stranieri in qualità di eredisonotrattati come cittadini croati, il che significa che ereditano ugualmente ai cittadini croati.

L’eredità del defunto può essere acquisita secondo la sua specifica volontà o secondo i principi della legge. Se il defunto non ha lasciato il testamentolo erediteranno,in parti uguali,i suoi figli e la consorte. I figli naturali e loro discendenti hanno uguali diritti di successione dei figli nati durante il matrimonio e dei loro discendenti. Il diritto di successione tra coniugi cessa con la separazione o l’annullamento del matrimonio. La convivenza estraconiuguale è, per quanto riguarda l’ereditarietà, identificata con il matrimonio se questa convivenza rappresenta un’unione di vita tra un uomo e una donna non sposati che dura almeno 3 anni o meno se il bambino nasce da genitori non sposati durante questa unione.

In Croazia, la maggior parte dei cittadini redige un testamento o lascia che la loro eredità sia divisa secondo la legge. Il testamento è valido se il defuntoha avuto la capacità giuridicae se era almeno 16 anni quando ha scritto il testamento. Le disposizioni del testamento devono essere interpretate secondo l’intenzione reale del defunto.

Testatori spesso dimenticano che essi non sono autorizzati a dividere tuttii loro beni verso la loro volontà. In questo caso, i legittimari ottengonola metàdell’eredità che avrebbero ereditato verso legge. Legittimari sono principalmente i figli e la consorte del defunto.

Pertanto, se il testatore vuole escludere completamente alcuni parenti stretti dalla successione o semplicemente desidera dividere la sua eredità in modo diverso di quello previsto per legge, eppurevuole essere sicuro che dopo la sua morte non ci saranno inutilidispute legali, si raccomanda che esso entra in uno degli accordi ereditari come, ad esempio, cessione e la distribuzione dell’eredità o il contratto di assistenza vitalizia.

Quando questi contratti sono stipulati, il testatore non ha alcunibeni al momento dell’udienza per l’eredità, perchè la sua proprietà è già divisa in base a tali accordi.

Il modo migliore per dividere l’ereditàe tuttavia raramente utilizzato nella pratica, è la cessione e distribuzione dell’eredità. Quando l’accordo èstipulato, nessundisputa legalepuò emergere dopo la morte del testatore, perchè tuttilegittimari hanno firmato il presente accordo. Gli accordi di cessione e distribuzione dell’eredità sono validi solo se tutti i legittimari, il coniuge, i figli ei loro discendenti hanno assentito a esso.

Contratto di assistenza vitaliziaè spesso abusato in Croazia in quanto i mantenitori spesso non si prendono cura dei mantenutie tuttavia ricevono in cambio, di solito, un bene immobile. Persone non consanguinei di solito profittano da questo accordo e molte dispute legali emergono tra di loro e la parentela dei defunti dopo la morte.

Pertanto si raccomanda agli anziani di dividere la loro eredità come vogliono, con un accordo firmato nel corso della loro vita. Sarebbe meglio di dividere i loro beni usando la cessione e la distribuzione dell’eredità. É importante menzionare che questo accordo deve essere firmato mentre il testatoredispone ancora con la capacità giuridica. Éanche possibile di mettere in questo accordo il diritto di soggiorno permanente in favore del testatore, nonché il divieto di vendere o di gravare l’immobile. In questo modo il testatoremantiene il controllo sul bene, e tuttavia ha trasferito secondo la sua intenzione reale i beni ai terzi.