201904.17
Off
0

MEZZI DI ACQUISIZIONE DI PROPRIETÀ NELLA REPUBBLICA DI CROAZIA

Esistono diversi modi di acquisto della proprietà nella Repubblica di Croazia, in particolare:

  1. in base a un atto giuridico
  2. in base a una decisione giudiziaria o decisione di un’altra autorità competente
  3. per successione e
  4. per legge.

Per l’acquisto della proprietà, devono essere soddisfatti i requisiti generali previsti dalla Legge sulla proprietà e eltri diritti reali – ovvero, la capacità del bene di essere l’oggetto della proprietà, la capacità dell’acquirente di acquisire il diritto di proprietà e una valida base legale per l’acquisizione. A seconda dell’oggetto di acquisizione (beni mobili o immobili), anche altri requisiti specifici devono essere soddisfatti.

Oltre ai requisiti generali sopra menzionati che devono essere soddisfatti per l’acquisto della proprietà, per acquisire la proprietà in base a un atto legale, anche i seguenti requisiti specifici devono essere soddisfatti:

  • predecessore – la persona che trasferisce la proprietà deve essere proprietaria dell’oggetto
  • atto giuridico valido – lo scopo dell’atto giuridico deve essere l’acquisto della proprietà, il contratto per l’acquisto dell’immobile deve essere in forma scritta,
  • mezzo di acquisto particolare – consegna (per beni mobili) e registrazione (per beni immobili) nel registro fondiario. È necessario sottolineare qui che la proprietà degli immobili può essere acquisita solo attraverso la registrazione nel registro fondiario. Il contratto stesso è solo un atto giuridico che autorizza la persona a richiedere la registrazione.

    La proprietà può essere acquisita in base alla decisione giudiziaria o decisione di un’altra autorità competente. Ad esempio, nei procedimenti di esecuzione la proprietà è aggiudicata a un acquirente in base alla decisione giudiziaria. Un altro esempio è la decisione sull’esproprio o la decisione giudiziaria sullo scioglimento di comproprietà, ecc.

    La proprietà è acquisita per successione al momento di morte del de cuius. Questa acquisizione è regolata dalla legge, sia per gli eredi legittimi, che per gli eredi testamentari. La proprietà è acquisita al momento del decesso anche per beni immobili e con la registrazione nel libro fondiario vienne solo pubblicata in rispetto a terzi. I requisiti per l’acquisizione per successione sono che il de cuius è deceduto, che l’oggetto fa parte del suo patrimonio ereditario e che l’acquirente è erede legittimo o testamentale.

    Nell’ordinamento giuridico croato l’acquisizione della proprietà per legge è piuttosto comune. In questo modo, la proprietà si acquisisce nel momento quando sono soddisfatti tutti i requisiti legali. Questo modo di acquisto è conosciuto anche come acquisto a titolo originario. Va sottolineato che questo modo di acquisto ha un impatto diretto sui diritti di terzi che fino a quel punto esistevano sull’oggetto, dato che attraverso un’ acquisto a titolo originario viene stabilito un nuovo diritto di proprietà, il che significa che tutti gli altri diritti si annullano (se soddisfatti i prerequisiti legali).

    Il più comune tipo di acquisizione di proprietà per legge nella Repubblica di Croazia è l’ USUCAPIONE. Questo istituto legale non è riconosciuto in tutti gli stati europei, motivo per cui molti lo trovano incomprehensible. L’acquisizione di proprietà per usucapione avviene in favore del possessore indipendente che possiede continuamente l’oggetto per un lungo periodo di tempo. Come nel caso dei altri mezzi di acquisizione, anche qui devono essere soddisfatti alcuni requisiti specifici, che dipendono dalla veridicità, liceità e buona fede del possessore.

Per una migliore comprensione spiegheremo il significato di questi termini legali. La liceità del possesso esiste se il stesso è stato ottenuto per una base legale valida (ad esempio, se una persona stipula un contratto di vendità immobiliare ma non richiede la registrazione nel registro fondiario). Il possesso è veritiero se non è stato ottenuto con violenza, frode, furtività o abuso di fiducia. La buona fede significa che il possessore non sapeva o non aveva ragione di sospettare che non abbia il diritto di possedere l’oggetto. Il possessore indipendente che è in buona fede e ha un possesso lecito e veritiero acquisirà la proprietà di beni immobili dopo dieci anni di possesso interotto, ovvero tre anni per beni mobili. Il possessore che è solo in buona fede acquisirà la proprietà di beni immobili attraverso il suo possesso ininterrotto dopo venti anni, ovvero dieci anni per beni mobili.