202012.02
Off
0

Possibilità di recupero da parte dei debitori insolventi (fallimento)

La procedura di insolvenza (fallimento) in generale è avviata dalla proposta del debitore o del creditore. Se sono soddisfatte tutte le condizioni per l’apertura di una procedura di insolvenza, il giudice è investito scrivere il decreto di apertura della procedura di insolvenza e pubblicarlo sulla bacheca del tribunale. Tale decreto deve includere un invito gli creditori fallimentari a presentare le proprie domande al liquidatore fallimentare entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dell’apertura della procedura di insolvenza. Se i creditori non presentano le loro richieste entro tale termine, esse perdono la possibilità di recuperare le loro richieste. Se Lei ha una pretesa nei confronti di un debitore non idoneo a pagare o che è accusato di eccesso, e non ha esperienza e sufficiente conoscenza delle leggi in materia fallimentare (insolvenza), sarebbe bene assumere un avvocato in tempo per fissare tale termine e quindi cercare di riscuotere la Vostra richiesta. In altre parole, è molto importante che sia necessario reagire senza indugio a causa del rischio di perdita del diritto di recuperare i crediti.

I creditori sono i creditori personali del debitore che, al momento dell’apertura della procedura di insolvenza, hanno diritti di proprietà nei confronti do debitore. Esse sono classificate nei fogli paga in base alle loro richieste. I creditori di un ordine di pagamento successivo possono essere estinti solo dopo che i creditori del precedente ordine di pagamento sono interamente regolati. I creditori dello stesso ordine di pagamento sono regolati in proporzione all’entità delle loro richieste. Le richieste di pagamenti più elevati hanno la precedenza nella liquidazione dei crediti delle righe a basso costo pagate.

I creditori possono esercitare le loro pretese nei confronti del debitore in caso di insolvenza (fallimento). In seguito all’apertura della procedura di insolvenza, i singoli creditori di insolvenza non possono chiedere l’esecuzione forzata nei confronti del debitore o dell’assicurazione su parti di attività che entrano nella proprietà fallimentare o in altre attività del soggetto debitorio.

L’applicazione delle rivendicazioni dei creditori è depositata presso il liquidatore, che redige quindi un elenco di tutte le richieste del lavoratore e dei dipendenti dell’ex debitore dovute fino all’apertura della procedura di insolvenza nei confronti di brutto e di importi netto. Se il lavoratore o l’ex lavoratore debitore non avesse presentato la denuncia, si sarebbe ritenuto che avesse dichiarato la domanda conformemente all’elenco redatto dal liqidatore fallimentare. Le richieste dei creditori di pagamenti inferiori sono dichiarate soltanto su una richiesta specifica del giudice. Il liquidatore redige una tabella dei crediti dichiarati da pubblicare sulla
bacheca del tribunale, la presentazione delle domande e dei documenti è presentata nella cancelleria del tribunale per l’ispezione delle parti dopo la scadenza del termine di presentazione delle domande.

La fase successiva consiste nel mantenimento dell’udienza di prova su cui si esaminano le domande presentate. Il liquidatore deve indicare se contesta o meno la richiesta. Il giudice redige una tabella delle domande esaminate in relazione a ciascuna domanda dichiarata in che misura sia determinata dal Vostro importo e dal suo ordine, vale a dire chi ha contestato la domanda. Sulla base della tabella delle domande esaminate, il giudice scrive il decreto sulle domande identificate e contestate pubblicate sulla bacheca del tribunale.
La liquidazione dei creditori di fallimento è effettuata dopo l’inchiesta e dopo l’audizione. Il liqidatore fallimentare provvede, senza indugio, a liquidare le attività che entrano nella tenuta fallimentare. Le attività sono vendute mediante gara pubblica, libero scambio o raccolta di offerte pubbliche. Il liquidatore procede alla liquidazione dei creditori fallimentari in base ai flussi finanziari dei contanti.

Infine, tutte le informazioni fornite dal giudice in merito alle procedure di insolvenza sono effettuate mediante Internet e che la divulgazione è molto importante da seguire regolarmente.